giovedì 26 agosto 2010

Quando la fotografia diventa arte?

Oggi ho ritrovato alcune foto che ho scattato qualche tempo fa. Le avevo dimenticate in una cartella sul mio desktop che aspettavano solo di essere editate con Toy Camera Analog Color.
Il risultato mi ha subito soddisfatto, anche se devo ammettere che dietro queste immagini non c'è un grande idea.
Proprio su questo riflettevo oggi mentre le riguardavo. Scattare queste foto è stato per me un puro esercizio di stile. Ho curato i dettagli, la ricerca compositiva e persino riempito un foglio con una scritta usando pennino e china per rendere la composizione meno scarna.
Mi piacciono. Eppure le sento meno mie di tante altre foto che ho scattato in questi ultimi periodi, magari in maniera irrazionale e impulsiva, ma sempre cercando di esprimere qualcosa che va oltre la semplice bella immagine su cui ci si sofferma per un secondo prima di dimenticarla per sempre.
Ora le propongo a voi:




So bene che il discorso che vi propongo è un pò complesso ma io penso spesso che tutte le foto debbano nascere da un'idea profonda, o da un bisogno istintivo di fotografare.
Per queste mie immagini penso di più alla seconda opzione: ho sfogato un bisogno profondo di scattare, di esprimere qualcosa, di ricercare la giusta luce, la messa a fuoco, di sentire la macchina come un prolungamento del mio occhio.
Parlavo tempo fa con qualcuno di come nasce l'ispirazione e di quale sia il concetto di arte per me.
Bene. Quando vedo questo tipo di foto non le ritengo arte, ma ricerca. Come quando l'artista esegue tanti schizzi per poi arrivare all'idea finale.
L'arte è ben altro. E' come un pugno nello stomaco. Può far riflettere, divertire, piangere ma lascia sempre un'emozione che ti resta dentro.
A questo punto non so neanche più cosa volevo scrivere, ma lascio a voi la parola.

Che tipo di fotografie vi emozionano? Cosa considerate arte e cosa, invece, un puro esercizio di stile?

(p.s: Con questo discorso ovviamente non volevo affermare di fare arte. Con le mie foto cerco solo di emozionare/emozionarmi....spero di riuscirci almeno qualche volta...)
un bacio
Luna

14 commenti:

  1. Uuuuuh molto interessante!! Parlavo gusto con una mia cara amica che mi piacerebbe parlare un po' di piu' di fotografia. mi piacerebbe ricevere commenti un po' piu elaborati su quali sentimenti abbiano riscosso le mie immagini. Questo tuo post da l'occasione di parlare di arte e di fotografia.

    Non é facile. L'arte é qualche cosa che emoziona. Non é solo una bella foto eseguita con una tecnica impeccabile. Arte é novità, é ricerca, mutamenti, sono sentimenti. Arte é senza dubbio soggettivo. Un immagine fotografica che a me non trasmette niente, puo' essere molto evocativa ad altre persone.

    Per quello che mi riguarda sto percorrendo una ricerca fotografica interssante. da diversi mesi cerco di non ripetermi, di trovare nuove variazioni, di cambiare il mio modo di vedere le cose. Sto sperimentando e sto scoprendo nuove cose. Sento il bisogno di andare oltre. Oltre a tutto. Non é facile, ma mi piace e vado avanti.

    Per quello che riguarda le immagini che hai proposto in questo post sarò sincera. Mi piace molto come hai eseguito gli scatti, la tecnica si vede. Ma non mi danno emozioni particolari. È un genere di foto che ho già visto, come hai detto tu mi danno li stessi tuoi pensieri: quasi come se queste foto fossero state realizzate come allenamento fotografico. Non mi fraintendere, sono molto belle, ma ci sono immagini tue che ho apprezzato di piu ;D

    Ho come la sensazione che stiamo percorrendo la stessa strada: sperimentare nuove cose con la fotografia e cercare di capire. Ognuna con il suo diverso stile. Trovo interessante tutto cio' e mi piace seguire i tuoi post.

    Baci
    Cia

    RispondiElimina
  2. Lucia: grazie per il commento dettagliato:) la penso esattamente come te. queste foto come ho scritto sono per me una ricerca stilistica, più di forma che di contenuto se così si può dire.
    la mia ricerca vuole (o almeno vorrebbe) andare oltre...
    io e te dovremmo abitare più vicine comunque... :*
    un bacio<3

    RispondiElimina
  3. ciao Luna,
    sono belle foto, se ne apprezza il colore, la profondità di campo, l'illuminazione. Azzardo un'ipotesi: se su quei fogli invece di quei tratti ci fosse stato scritto o disegnato qualcosa di diretto, forse avresti aggiunto "il pugno allo stomaco" che qui manca. Queste sono un bell'inizio. L'esercizio di stile è secondo me una base di partenza.
    IMHO in una foto è importante il soggetto prima dell'esecuzione. A meno che tu non scelga una tecnica di "sfuocato estremo", "ultra postProduzione" o simili, la foto dovrebbe parlare.

    RispondiElimina
  4. Ho scoperto il tuo blog per caso e lo trovo fantastico :) Sono appassionata di fotografia da relativamente poco, e finalmente due settimane fa ho preso una reflex (nikon d3000) che volevo da tanto. Non faccio altro che fotografare...la mia bambinaaa :D
    Ho imparato da autodidatta a utilizzarla e mi sta andando molto bene :)
    Ti seguo,
    un bacio,
    V.

    RispondiElimina
  5. canerosso: in realtà sul foglio c'è scritto Love un sacco di volte..ma è poco leggibile, è vero!
    grazie per il tuo parere..non sono foto da pugno allo stomaco purtroppo hai ragione :(

    Grazie Victoria

    RispondiElimina
  6. L'ultimo mio gesto artistico è stato riparare il pedale sinistro della bicicletta! Secondo me si sta attraversando un periodo di forte crisi (sociale) in cui si abusa del termine arte cercare di distinguersi dalla massa proprio per reagire alla crisi e all'omologazione che la società o chi per lei sembra suggerire. Penso che il ruolo dell'artista non sia quello di distinguersi dalla massa per ciò che fa, ma "essere ciò che fa". Spesso mi sono scontrato con persone che preferivano apparire piuttosto che essere e così facendo prediligevano certi tipi di "arte" e certi stili piuttosto di altri proprio per apparire; facendo un'autocritica ammetto di averlo fatto anch'io e alla fine, quando si giunge a una certa maturazione, si riconosce che non è si più cosa si vuole essere, ma ciò che gli altri vorrebbero si fosse. Fine autoanalisi.

    Le foto qui sopra non mi piacciono. Riconosco che in altri generi ci sai fare meglio, hai l'occhio più allenato o lo stato d'animo adatto. Anche come still life vedo questi scatti un po' poverini, insipidi, se mi passi l'aggettivo. Esiste il momento in cui si fanno buone fotografie e il momento in cui invece si scatta quasi per scattare soltanto (leggi, conoscere la macchina, aumentare il feeling idee-strumenti). Con questo non voglio dire che le foto di questo blog siano universalmente brutte; esprimo semplicemente un mio giudizio personale. E non parlo d'arte, non soltanto con le tue foto, non soltanto con le mie, ma con tutte le persone che conosco e che possono fermare un istante anche soltanto con il cellulare; io sono privo delle conoscenze per parlare d'arte, manco di autorità, però riconosco cosa mi piace e lo distinguo da ciò che non mi piace, posso leggere quello che una foto mi dà e posso interessarmi invece della carta su cui è stata stampata (per camuffare il disinteresse).

    [Parte in cui autocensuro un giudizio su te poiché anche se positivo non ti conosco e non vorrei offendere per fraintendimento.]

    Credo nelle emozioni, per come sono fatto, e credo che per un principiante, per uno che fa foto, ma non lavora di e con fotografie, il massimo della propria soddisfazione sia quella di aver raccontato un'emozione o una storia e averlo fatto per sé prima di tutto poiché penso che foto che possono piacere anche al mondo intero, ma non a se stessi, non siano affatto belle poiché mancano del rapporto intimo tra autore e opera.

    Perdona se sono stato lungo, perdona le polemiche e nel caso non avessi capito o avessi capito male qualche mia parola, concedimi un altro commento prima di interpretare male.

    RispondiElimina
  7. Avevo scritto un commento lunghissimo e Google mi ha risposto con un messaggio di errore durante l'invio. Ora che ho perso tutto l'umore è diventato nero.

    RispondiElimina
  8. E invece c'è! Google mi pigliava in giro.

    RispondiElimina
  9. Gilberto ovviamente accetto la critica a queste foto, come avevo scritto già, le ho scattate per puro esercizio, per quel bisogno fisico che provo ogni tanto di scattare nuove foto. che non per forza devono essere arte o studiate o avere un significato.
    grazie per il tuo commento..
    baci

    RispondiElimina
  10. trovo bellissime le tue foto! per me una foto non deve avere un motivo per essere scattata, è fermate un immagine bello per sempre ancora di più se sono atmosphere come queste e anche ispirazione. non ho ancora visto il resto del blog ma l inizio mi piace motlO! vieni a vedere il mio, non è di fotografia ma di moda, ma magari ti piace cmq! .-D

    RispondiElimina
  11. Ciao in primo luogo complimenti per il tuo blog nel quale mi sono imbattuta girando per caso in Rete!Comunque sono d'accordo con le osservazioni che hai fatto circa le tue foto e in generale ritengo che il confine tra foto e arte sia talmente labile da non poterlo definire!

    RispondiElimina
  12. Dunque, anche per me queste che hai postato non sono arte ma ricerca di stile, di un modo di perfezionarsi, di un metodo... non perché siano brutte (anzi) ma perché le trovo fredde, mi danno la sensazione di qualcosa di artificioso e non spontaneo. Ci sono alcune tue foto invece che per me, nonostante sia digiuna di fotografia, sono arte pura. Quando fotografi il tuo ragazzo ad esempio, lì ci vedo passione, amore, mi trasmettono calore e si vede che sei presa quando scatti. Idem dicasi per alcune foto delle tue amiche, di tua sorella, quando sperimenti idee nuove come quella dei brillantini... ecco per me arte è questo, curiosità, passione, trasmettere emozioni e far capire con il tuo lavoro che per te quello che hai ripreso significava qualcosa, fosse anche una busta di plastica per terra. Spesso vedo in giro foto che rappresentano cibo o palazzi, ma sono vuote e fredde, come se fossero cartoline o foto di una rivista di cucina. Le tue invece sono sempre appassionate, si vede che ti diverti e che ti appassioni in quello che fai. Cinema e fotografia sono al pari di pittura, scultura e architettura per me. :)

    RispondiElimina