venerdì 7 settembre 2012

Photographic Inspiration: Henri Cartier-Bresson

Alcuni di voi lo aspettavano dall'inizio dell'anno e finalmente il Photographic Inspiration ci porta a conoscere il precursore del foto-giornalismo moderno.... Henri Cartier-Bresson!!
Settembre... riaprono le scuole, il lavoro riprende a pieno ritmo e l'estate lascia il posto alle prime piogge. Spero parteciperete in tanti a questa bella sfida ;)
Henri Cartier-Bresson nasce nel 1908 a Chanteloup, Seine-et-Marne in Francia.





















Durante la giovinezza si appassiona subito alla pittura, in particolar modo al surrealismo, ma scopre la fotografia solo nel 1932 di ritorno da un viaggio in Costa D'Avorio. Decide di comprare la sua prima Leica con obiettivo 50mm.
Nel 1933 tiene la sua prima mostra alla Julien Levy Gallery di New York, viaggia in Europa e passa un anno in Messico.














Lavora anche nel cinema e nel '36 è il secondo assistente del regista francese Jean Renoir con cui gira “Une partie de campagne”.
Nel 1937 dirige i documentari “Victoire de la vie” e “L’Espagne vivra”.














Viene preso prigioniero di guerra dai tedeschi nel 1940 ma riesce a fuggire nel 1943 anno in cui si unisce ad un'organizzazione clandestina che dava rifugio agli evasi e ai prigionieri, la MNPGD.
Nello stesso anno scatta una serie fotografica di ritratti che ha come protagonisti scrittori e artisti come Matisse, Picasso, Braque, Bonnard ecc.














Nel 1945 fa parte di un team di giornalisti e fotografa la liberazione di Parigi. Dirige poi il documentario "Le retour" sul rimpatrio dei detenuti e dei prigionieri di guerra.
L'anno successivo Cartier-Bresson viene a sapere che il museo MOMA di New York intende dedicargli una mostra postuma, credendolo morto in guerra. Così decide di mettersi subito in contatto con il museo per chiarire l'equivoco e preparare la mostra.














Ma è negli anni '30 che Cartier-Bresson fa un incontro fortunato, che cambierà per sempre la storia della fotografia. E' in quel periodo infatti che conosce un fotografo e intellettuale polacco con cui nasce subito una forte amicizia, David Seymour, che presenta a Bresson il fotografo ungherese Endré Friedmann che diventerà leggenda con il nome di Robert Capa.
Nel 1947 i tre amici insieme a William Vandivert e George Rodger fondano l'agenzia Magnum Photos, ancora oggi una delle più importanti agenzie fotografiche a livello internazionale.




















I fondatori girano il mondo alla ricerca di reportage sensazionali: Cartier-Bresson sceglie l'Asia e tra il 1940 e il 1950 si trova in India per la morte di Gandhi, in Cina per la fine del Kuomintang e la nascita della Repubblica Popolare di Mao, in Indonesia per l'indipendenza ed è il primo fotografo ad essere ammesso in Unione Sovietica.















Con questi reportage si conquisterà la fama di genio del fotogiornalismo per la qualità unica dei suoi scatti, potenti e intimi allo stesso tempo. La sua carriera è un susseguirsi di successi e riconoscimenti come il Grand Prix National de la Photographie presentato dal ministero della cultura francese, il Premio Nadar del 1971, le retrospettive organizzate in tutto il mondo, dal MOMA di NY all'Europa ecc.














Nel 2000 con la moglie Martine Franck e la figlia Mélanie fonda la Fondazione Henri Cartier-Bresson, una sede permanente per la sua collezione fotografica ma anche uno spazio espositivo aperto ad altri artisti.
E' del 1952 il primo libro di Bresson "Images à la sauvette" ("The decisive moment" in inglese) in cui è percepibile la rivoluzione fotografica compiuta dal Maestro: con la "teoria" del momento decisivo Cartier-Bresson influenzerà generazioni intere di nuovi fotografi sviluppando un genere innovativo fondato sulla spontaneità e immediatezza dello scatto chiamato street photography.
L'Occhio del secolo, come viene definito, si spegne a l'Isle-sur-la-Sorgue nel 2004 a quasi 96 anni.




















Fotografare è trattenere il respiro quando tutte le nostre facoltà convergono per captare la realtà fugace; a questo punto l’immagine catturata diviene una grande gioia fisica e intellettuale.
Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. E’ porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. E’ un modo di vivere

Dopo aver studiato le foto di moda ironiche e piene di colore di Guy Bourdin nel mese di Agosto, è la volta di uno degli artisti che ha rivoluzionato la fotografia di reportage, Henri cartier-Bresson.
L'obiettivo del progetto è creare uno scatto ispirato allo stile fotografico dell'artista.
Potete scattare con qualsiasi apparecchio fotografico, reflex analogica o digitale, compatta o cellulare. Avete tempo fino al 30 SETTEMBRE.
Il 1 ottobre pubblicherò tutte le foto che partecipano al progetto in un'apposita galleria sulla PAGINA FAN DEL BLOG in cui potranno essere votate con i "mi piace" e i commenti dagli utenti di Facebook.
Una volta chiusa la votazione, gli scatti che avranno ottenuto un maggior numero di consensi e commenti saranno pubblicati sul Blog con nome e link dell'autore.
P.S: Se volete partecipare al progetto, potete pubblicare il vostro scatto con il vostro nome, cognome e link direttamente sulla pagina fan del blog oppure potete inviarla come messaggio privato sempre sulla pagina fan.
E ora tutti a scattare! Lasciatevi ispirare dallo stile inconfondibile di Henri Cartier-Bresson!!





11 commenti:

  1. Quest'anno ho visto una mostra a Roma di Cartier-Bresson e da allora lo amo ancora di più. Mi ha sempre impressionata la sua capacità di composizione, fa venire i brividi sapere che non croppasse praticamente mai.

    Mi piacciono molto i tuoi articoli, Luna! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara! ma allora devi partecipare anche tu questo mese!! :) vai con foto analogiche in bn ;)

      Elimina
    2. ahahah magari, vediamo cosa riesco a fare! ;)

      Elimina
  2. Forse il miglior fotografo dell'anno! Io ovviamente partecipo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh uno dei migliori fotografi dell'anno sicuramente, vedo che piace proprio a tutti! non vedo l'ora che sia la fine del mese per vedere i vostri scatti <3

      Elimina
    2. Ho come la sensazione che se ne vedranno delle "belle"!!!!

      Elimina
  3. Ma valgono anche foto d'archivio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì certo, puoi utilizzare anche vecchie foto ;)

      Elimina
  4. Ahhhhhhh ok, fico! Grazie per la risposta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati! puoi mandare la foto ( o le foto...fino a 3) sulla pagina fan del blog su facebook oppure alla mia mail:
      luny1987s@gmail.com

      Elimina